Industry: Energy | Anno: 2016

Spindox advisor del piano di migrazione europeo di Enel Italia da on premise in Amazon cloud.

In principio fu la Cloud Strategy di Enel Global ICT: un grande piano, lanciato da Enel nel “lontano” 2015, con l’obiettivo di implementare un modello di cloud ibrido. Da un lato l’utilizzo di soluzioni in cloud, dall’altro il mantenimento e l’evoluzione di soluzioni on-premise. Il tutto gestito da sistemi di Service Governance Orchestration Control.

È in questo ambito che nasce il piano sistemi dell’Area Mercato di Enel ICT Italy, da cui emerge la necessità di reingegnerizzare l’area portali di Enel Energia su cloud AWS. Per definire la strategia di migrazione, nel 2016 Enel decide di ingaggiare Spindox con il ruolo di advisor e AWS advanced consulting firm. In particolare, si tratta di definire il piano di trasformazione di un’architettura comprendente 180 applicazioni.

Il cloud appare come la risposta più corretta all’esigenza di maggiore flessibilità infrastrutturale indotta dal piano Bolletta 2.0, cui si va ad aggiungere il porting già pianificato di due grossi applicativi – Portale Energie e Portale ESE – e di altri portali minori .

Bolletta 2.0, altro non è che una presentazione riorganizzata e sintetica in formato elettronico delle informazioni in bolletta per i clienti. Il piano comporta un notevole aumento degli accessi alle rispettive aree clienti. Questo, a propria volta, determina un inevitabile impatto sull’intera infrastruttura dei portali.

Soluzione

L’intervento di advisory del team cloud di Spindox ha incluso le seguenti attività:

  • Governance e disegno architetturale per la strategia di migrazione e trasformazione in cloud, con utilizzo delle capability standard e dei servizi gestiti messi a disposizione da AWS.
  • Individuazione di strumenti AWS per implementare DMZ (Security Group, ACL).
  • Definizione della strategia di integrazione con servizi esterni tramite proxy nella soluzione full AWS.
  • Identificazione della soluzione di file sharing con GlusterFS.
  • Indirizzamento della problematica relativa agli IP multipli su macchine per garantire autoscaling.
  • Analisi e indirizzo della soluzione sui load balancer.
  • Identificazione della strategia di data migration in alternativa a GoldenGate (Informatica, Delphix, RMAN, Import/Export, AWS Database Migration Service)

L’intervento di Spindox ha incluso lo studio di fattibilità dell’intero processo di migrazione, la realizzazione di un POC a validazione del processo e il porting fisico di due grandi portali – Big Elephants – e di decine di applicativi minori.

Nella prima fase del progetto è stata disegnata la roadmap operativa per il porting dei grandi portali, con i dataset sottostanti.

Una parte importante del progetto è consistita nel disegno di un POC che fornisse una panoramica del data subset su cui operare e dimostrasse la fattibilità della migrazione.  

Vantaggi

La scelta di un’architettura cloud ready consente a Enel di semplificare e integrare le applicazioni, evitando di ingessare le capacità del business. Inoltre diventa più semplice razionalizzare il portfolio applicativo, favorire i processi globali di standardizzazione, ottenere una riduzione dei costi di gestione e migliorare il time-to-market.

I vantaggi della soluzione proposta da Spindox – tipici di un passaggio ad un’infrastruttura in cloud – sono molteplici.

La gestione dell’infrastruttura hardware – non più in carico all’azienda, ma in forza al cloud provider (AWS) – permette scalabilità nella gestione degli applicativi e massima sicurezza dell’infrastruttura. Garantita dal provider, in questo caso Amazon. La migrazione dei portali permette di scalare e quindi migliorare l’erogazione di contenuti in base al numero di utenti.

Inoltre, il modello di pricing flessibile pay-as-you-go permette a chi utilizza il servizio di “pagare solo per quello che usa”.

La soluzione implica un’architettura – dai componenti al sistema – altamente affidabile. Pensata per garantire la continuità nell’erogazione dei contenuti del servizio, e avere un piano di disaster recovery in grado di prevenire eventuali disservizi.

1 COMMENT

Comments are closed.