A Torino a curiosare nella community di Hubspot, piattaforma di inbound e automation per l’automazione e la scalabilità dei processi.

Graydee non si ferma mai. A Torino, all’ombra della Mole, si è tenuto un evento organizzato dalla community di HUG Torino nel bellissimo spazio di coworking di Open Incet. L’evento è stato un verticale su Hubspot, una delle piattaforme più utilizzate per Inbound Marketing e Marketing Automation. Tra i relatori che si sono alternati, Gennaro Polito –consulente presso Guanxi e Training Leader per Hug Torino – ha guidato l’evento approfondendo varie funzionalità della piattaforma. A fine giornata Adib Mouchanan – Head of the Italian HubSpot Partner Community – e Gabriele Sardelli – Territory Manager Italy di HubSpot – hanno preso parte a un interessante sessione di Q&A con il pubblico in sala.

Hubspot: la community di HUG Torino

Le funzionalità della piattaforma nella versione free

Pronti, via, si parte. Per cominciare, lo speaker Gennaro Polito ha passato in rassegna una serie di funzionalità che Hubspot permette di utilizzare già nella sua versione gratuita. Vediamone insieme alcune.

  • Tracking code: per integrare Hubspot con le nostre proprietà non dobbiamo fare altro che installare il codice di tracciamento. Il tracking code è uno script da inserire nel sito che permette ad Hubspot di raccogliere le informazioni sui visitatori del sito. Puoi inserire lo script manualmente in ogni pagina del sito o utilizzare un Tag manager (come quello di Google).
  • Liste: le liste permettono di profilare e segmentare la nostra audience, per attivare successivamente comunicazioni e contenuti personalizzati per i vari segmenti. Hubspot permette di attivare liste statiche (da aggiornare manualmente) o liste automatiche (che si aggiornano automaticamente in base ai criteri impostati). La versione free implementa solo liste statiche.
  • Chatflow: la piattaforma permette di definire flussi conversazionali per attivare processi automatici di lead generation. In questo caso non stiamo parlando di chatbot basati su AI. Bensì su una struttura di regole della conversazione programmabile all’interno di Hubspot. Gli utenti che atterrano sul nostro sito avviano una conversazione con il nostro chatbot e in base alla conversazione e alle informazioni raccolte possono essere inseriti in un segmento rispetto a un altro.
  • Snippet e Template: questa funzionalità permette di impostare preventivamente snippet e template. Particolarmente utile in quanto permette di scalare i volumi di contatti raggiunti. Per esempio, potremmo inviare un’e-mail di riepilogo con un template predefinito a tutti i contatti che hanno partecipato al nostro evento.
  • Form e Pop-up Form: Hubspot permette di sviluppare form da integrare successivamente nel nostro sito: attraverso l’inserimento di codice o embedding del form tramite link. Oltre ai moduli di form standard, si possono creare pop-up form per promuovere contenuti o messaggi con push interattivi.
  • CMS: Hubspot offre due opzioni. La prima è implementare singoli moduli (per esempio dei form) all’interno di siti gestiti con altri CMS (per esempio WordPress). La seconda è sviluppare l’intero sito con il CMS di Hubspot. In questo caso si possono attivare i cosiddetti smart content – contenuti personalizzati – basati sulle liste create direttamente in Hubspot. L’attivazione degli smart content è disponibile solo nella versione a pagamento.
  • CRM, Sales Pipeline, Task, Caricamento Documenti e Ticket: non solo funzioni per la gestione dei processi marketing, Hubspot offre anche una serie di funzionalità di gestione nei processi di vendita. La piattaforma implementa il CRM per la raccolta dei contatti e Pipeline per mappare, analizzare e fornire reportistica sull’intero flusso dei processi di vendita. Fornisce uno strumento di gestione e assegnazione delle task alle risorse. Infine, offre una sezione per la schedulazione dei meeting e una per l’apertura e la gestione ticket relativi al customer care.
  • Analytics: non può ovviamente mancare la sezione dashboard di analisi che tiene traccia e offre reportistica su tutte le informazioni raccolte in Hubspot relative alla provenienza dei contatti, agli eventi avvenuti in relazione ai contatti e alle vendite generate.

Hubspot è la giusta piattaforma per approcciare l’automazione dei tuoi processi di marketing e vendita

Paradigma dell'Inbound Marketing

Alla base di Hubspot c’è il paradigma dell’Inbound marketing: Attract, Engage, Delight: attira prospetti di valore, ingaggia in scala, soddisfali personalmente. Le molteplici soluzioni e funzionalità che Hubspot mette in campo, altro non sono che l’attivazione di questo paradigma.

Hubspot offre davvero soluzioni infinite. Già nella sua versione gratuita permette di utilizzare una serie di funzionalità estremamente utili per automatizzare e scalare i processi di marketing e vendita di un’organizzazione. Il grande vantaggio di automatizzare i processi è di permettere a chi si occupa di marketing e vendita di concentrarsi sempre più sui fattori strategici delle campagne e sempre meno sulle singole operazioni ripetitive.

1 COMMENT

Comments are closed.