Mobile payment, contactless payment, m-commerce, mobile-POS e portafoglio digitale. WeChat racchiude l’essenza del FinTech, e non solo.

La Cina è una cashless society. Le persone vanno in giro senza contanti, perché basta loro uno smartphone per fare tutto. Il codice QR sui cui si può effettuare un pagamento con il telefonino è fornito non solo dai grandi store, ma anche dai piccoli venditori ambulanti. Ristorazione, shopping, cinema, wellness, trasporto e persino servizi sanitari – tutti gli scenari di consumo che si possono immaginare. In Cina quasi ogni cosa si può risolvere con una semplice applicazione: WeChat.

Cos’è WeChat e perché i cinesi la amano

Tutti coloro che desiderano condividere un segmento del mercato cinese devono conoscere la realtà cashless di questo Paese. WeChat non è l’unica app del suo genere, ma è un buon esempio per conoscere il FinTech cinese. In base ai dati del settembre 2018, questa super app possiede oltre un miliardo di utenti attivi: un numero incredibile.

WeChat è nata come applicazione di messaggistica istantanea, simile a WhatsApp. Poi, al suo interno sono state integrate altre funzioni come social network (“Momenti”) e pagina pubblica (“Account Ufficiali”). Dal lancio di WeChat Pay nel 2013, essa si è gradualmente evoluta da software di messaggistica in applicazione di lifestyle, indispensabile per ogni aspetto della vita. Con il portafoglio digitale si possono effettuare pagamenti di qualsiasi tipo: online shopping, affitto, bollette, biglietti, cibo d’asporto o conto di un ristorante.

Per pagare il taxi con WeChat, basta fare la scansione del codice QR del tassista.
Per pagare il taxi con WeChat, basta fare la scansione del codice QR del tassista.

Ma non si parla solo di pagamenti e versamenti. Negli anni WeChat ha acquisito altre funzionalità che sono state progettate per facilitare la vita attraverso l’uso della tecnologia. Diciamo addio alle lunghe attese dal dottore, alle richieste di un servizio comunale, alle noiose e complicate mail aziendali. Tutto viene gestito tramite l’applicazione, che permette chat di gruppo di lavoro e relative video call. 

E questi sono solo alcuni esempi. Grazie alla potenzialità di “mini apps” o “mini-program” – software associati alla super app e accessibili senza installazione – la lista delle azioni che si possono gestire con WeChat è infinita: dalla bike sharing al monitoraggio della qualità dell’aria, dal coupon download alla raccolta di firme e ai sondaggi. Tencent, gigante cinese della trasformazione digitale che ha sviluppato WeChat, la definisce come la “app che fa ogni cosa”.

Le funzioni di WeChat Pay che accontentano i privati e le imprese

In Cina, chi cerca una soluzione smart per la gestione dei propri conti bancari, trova in un’app come WeChat la risposta ideale. Zero spese e zero canone, questi sono i motivi per cui il portafoglio digitale batte il conto bancario tradizionale. Infatti, nell’ambito dei privati, WeChat agevola il bonifico interpersonale con un plafond giornaliero molto alto e senza commissione, ad eccezione di un millesimo di fee per il prelievo di denaro dal WeChat Wallet alla carta bancaria associata.

Si tratta di servizi destinati a diventare di uso comune anche negli Stati Uniti e in Europa. In particolare, nel Vecchio Continente lo scenario evolverà molto rapidamente per effetto del varo della PSD2.

Tutto questo in Cina è già realtà. WeChat offre molte funzioni per aiutare l’utente a gestire le sue necessità. Qui se ne elencano alcune:

  • Money transfer
  • Quick pay 
  • Wealth management
  • Order taxi
  • Ticket booking
  • Mobile top up (ricarica telefonica)
  • Go Dutch (pagare alla romana)

Le prime due funzioni compongono il core business di WeChat. Nello specifico, il Money transfer è simile al bonifico. L’utente può impostare un importo e versarlo a un altro utente privato o a un’account ufficiale che spesso è una società registrata. Il trasferimento del denaro può avvenire anche quando l’utente paga a un server esterno. Quindi, WeChat funziona come il PayPal o la carta di credito.

Con il Quick pay, l’utente può effettuare il pagamento dimostrando un codice a barra al venditore il quale, con il dispositivo di scansione, gli addebita direttamente la somma impostata dalla cassa. In alternativa, l’utente può fare la scansione del codice QR del venditore e versargli il denaro.

Altre funzioni molto utili sono, ad esempio: Wealth management, ovvero la gestione del proprio patrimonio e degli investimenti; Order taxi, utilissimo nelle città stra-affollate come quelle cinesi; Ticket Booking, prenotare un posto al cinema, i mezzi di trasporto o l’hotel; Mobile Top Up, ricariche telefoniche; Go dutch, soluzione ideale per pagare alla romana con il metodo più cool.

Perché gli utenti privati amano il mobile payment? il motivo è semplice: per risparmiare tempo, per evitare la scomodità delle monete e la complicazione delle carte e tessere. Le imprese, invece, possono evitare le commissioni pos e avere un controllo maggiore sulle transazioni in tempo reale. Questo è particolarmente conveniente per le piccole attività con fatturato basso e con capacità gestionale limitata.

WeChat Pay non è solo un portafoglio digitale.
WeChat Pay non è solo un portafoglio digitale. 

WeChat, una non-bank che guida il mobile banking in Cina

Le banche tradizionali sentono il fiato del mobile sul collo. Per questo, cercano in ogni modo di diventare a loro volta mobile, attraverso un  enorme investimento nello sviluppo di app presenti su tutti i sistemi operativi e nell’integrazione del circuito online-offline. Tuttavia, nessuna banca cinese, nemmeno le big four statali, è riuscita a monopolizzare il mercato. Al contrario, sono le società private come Tencent (WeChat) e Alibaba (Alipay) che ne hanno guidato lo sviluppo e impostato le regole del gioco.

Per definizione, WeChat non è una digital bank vera e propria, ma è una piattaforma conto terzi che unisce e abilita i conti correnti di altre banche. Per colmare la lacuna, nel 2014 Tencent ha ottenuto la licenza per WeBank, banca digitale che offre servizi finanziari con tassi e condizioni di accesso molto competitivi.

Perché WeChat è diventata la major del digital banking cinese?

Le condizioni necessarie per realizzare il mobile banking sono due: i dispositivi di input e output e un sistema unitario di sorveglianza. WeChat le possiede indubbiamente entrambe. Da un lato, ha una base enorme di utenti che già la utilizza come app social e di messaggistica. Dall’altro, offre una soluzione unica e gratuita che è compatibile con tutte le banche cinesi e in tutti gli scenari di vita. In aggiunta, ha il vantaggio che nessuna banca è mai riuscita ad ottenere: la semplicità. Gli strumenti finanziari del futuro non devono essere complicati. Questo tema è particolarmente caro in un Paese, nel quale la maggior parte delle persone non dispone di una carta di credito e non ha l’abitudine di interagire con il settore bancario.

Superando il confine tra online banking, carta di credito e conto corrente, WeChat annuncia che il FinTech è arrivato ed è per tutti. 

Non è solo una soluzione di mobile payment. WeChat genera nuovi modelli di business 

Grazie alla spontanea adesione degli utenti dal basso e alle politiche interne favorevoli dall’alto, WeChat è ormai un servizio infrastrutturale della Cina odierna. Esso è una realtà aperta che si interfaccia con ogni aspetto dei settori tradizionali, e sviluppa al suo interno un meccanismo che usufruisce delle tecnologie di intelligenza artificiale, riconoscimento facciale, big data e mini program. È uno strumento che evolve e che rende sempre più smart la vita delle persone.

WeChat, leader del mobile payment, ha generato molti nuovi modelli di business. Ad esempio, sposandosi con l’account ufficiale (soluzione per il digital marketing) e con il WeChat Pay (soluzione per il pagamento e per il wealth management), il retail tradizionale ha trovato una via d’uscita. I brand possono mettersi in comunicazione diretta con i consumatori tramite l’app offrendo a questi ultimi la possibilità di acquisto. Inoltre, l’user experience di alcuni fasi specifiche, come quella di awareness e quella di post-sale, è ottimizzata, grazie ai “mini program” installati in WeChat.

Il futuro di FinTech? Fare tutto e semplificare tutto

La diffusione di WeChat in Cina offre una potenziale visione futura dell’evoluzione del FinTech, che si traduce in un’esperienza più snella per tutti. Il FinTech è nato come risposta umanizzante al complicato sistema bancario. La tecnologia, riducendo il costo e il tempo dei servizi finanziari, li ha semplificati, democratizzati e intermediati. Le istituzioni finanziarie tradizionali sono diventate più facili da capire e collaborative, grazie all’adesione a questa piattaforma. 

Le super app non riguardano solo il mobile banking o i servizi finanziari a esso associati, ma offrono la soluzione tecnologica per rendere più comoda la vita delle persone – “in un secondo si può fare tutto.” Il semplice cambiamento di numeri rende possibile un’esperienza e un’efficienza che fino a qualche anno fa non si potevano immaginare.

3 COMMENTS

  1. […] Si prevede che i residenti europei avranno l’opportunità di utilizzare le app di pagamento di terze parti in ogni azione di consumo giornaliero, senza dover portare con sé carte di credito o contanti. Tutto ciò è già avvenuto in Cina, cashless society dove i turisti occidentali si stupiscono del fatto che si possa pagare tutto con il telefonino. (Per approfondimenti: WeChat, la super app cinese che svela il futuro del FinTech.) […]

Comments are closed.